#Drawlloween 16. #Grave

Forse mi sono lasciato prendere la mano, da “Grave” – “tomba”, sono finito a disegnare un intero cimitero. Quello di Hammersmith, Londra, per l’esattezza. L’ho visitato questa estate mentre passeggiavo lungo un Tamigi non costretto da pareti di cemento, ma sul quale si affacciano costosissime villette (che vengono puntualmente invasi dalle piene del fiume).

E lì, dietro l’ansa del corso d’acqua, un piccolo borgo d’epoca vittoriana, una fabbrica di birra e una chiesetta con annesso cimitero. Dovete sapere che i luoghi di sepoltura mi mettono ansia e disagio. Non credo per il concetto della morte in sè, quella si impara ad accettarla col tempo, ma c’è qualcosa che mi disturba e che non avevo mai compreso, prima di trovarmi tra le lapidi inglesi. Qui, in un prato verde, col l’odore umido del fiume, il fresco delle foglie e il sole tra gli alberi ho avvertito una sensazione di calma e serenità. E ho capito che l’ansia che mi viene nei cimiteri è data dal veder impilati i cari come fossero riposti in grosse scaffalature.

La cosa più difficile dell’illustrazione è stata trasformare un luogo quieto in uno ansiogeno, che desse più il senso di “grave”.  Non so se sono riuscito nell’intento, ho provato ad inserire dei fuochi fatui per renderlo un luogo più horror.

Però nel complesso non mi dispiace, anche se forse non fa paura per nulla.

the Marius

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...