Le porte della metro

Ero in metro, mesi fa, quando accadde questo episodio.

Un vecchietto coi baffetti e il berretto alla tonno Insuperabile cerca di ficcarsi in metro nonostante il segnale acustico di chiusura delle porte. Rimane bloccato con le spalle tra le ante e non riuscendo ad avanzare decide di indietreggiare e lasciar perdere il treno. Nel farlo, però, non mette la dovuta velocità e finisce col rimanere con la mano incastrata  tra le porte. Lo sguardo terrorizzato cercava aiuto nel vagone, mentre non emetteva suoni ma solo un debole bussare siu vetri per il non riuscire a tirare la mano.

Gli altri viaggiatori, terrorizzati dalla scena macabra che si sarebbe svolta se il treno fosse partito con il vecchietto attaccato alla porta cominciarono a tirare le leve d’allarme e l’apertura manuale di tutte le portiere del vagone, provando a creare con la forza bruta uno spiraglio per la mano del vecchietto. Dopo un po’ arrivò l’autista, che liberò l’omino e chiuse tutte le portiere dicendo ai passeggeri “Noi sapevamo che c’era qualcosa che non andava perchè il treno non parte se le porte non sono chiuse. Avete fatto bene a dare l’allarme ma bastava trare una sola leva, non tutte quelle del vagone”.

Quando la metro partì il vecchietto rifiutò l’invito di una ragazza a sedersi con un fil di voce e si appoggiò ad un’asta con la testa basta, in un misto di vergogna e paura.

the Marius

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...